Foto gallery cerimonia di Inaugurazione CIPPO AL MILITE IGNOTO - 4 novembre 2021.

Pubblicata il 06/11/2021


4 novembre 2021 - INAUGURAZIONE DEL CIPPO IN ONORE AL MILITE IGNOTO.

"Il sacrificio delle generazioni passate sia un monito per un futuro di pace."
Per visionare la foto gallery cliccate sul seguente link:
https://www.dropbox.com/sh/nzxtlerk9mwndkc/AADDVzRZCz36s8rnhvUcdCV7a?dl=0

Ringraziamo della presenza il Consigliere Regionale Giuseppe Pan e il nostro concittadino Onorario Enrico Vanzini.
Oggi è un 4 novembre speciale perché ricorre il centenario del giorno in cui vi fu la traslazione della salma del Milite Ignoto all’Altare della Patria a Roma, e per onorare questa figura a perenne memoria l’Amministrazione Comunale ha deciso di posare un cippo commemorativo presso il Viale della Rimembranza del nostro Camposanto.
Cento anni sono già passati da quel 4 novembre 1921, quando nel monumentale Vittoriano a Roma, che da quel momento divenne per tutti l'Altare della Patria e luogo di un incessante pellegrinaggio, venne tumulata la salma del “milite ignoto”, in memoria dei tanti militari e di cui non si conosce il nome o il luogo della sepoltura.
Non si vollero celebrare condottieri, generali o singoli comandanti, ma glorificare il sacrificio di sangue di un intero popolo onorando un caduto senza identità e quanti non avevano trovato nemmeno la consolazione di una tomba.
Anche a Galliera Veneta solo 31 delle 60 salme dei giovani scomparsi nel conflitto 15/18 riuscirono a trovare collocazione nella Chiesetta del camposanto, perché di ben 29 di loro non vennero mai ritrovati i corpi e furono dichiarati dispersi.
Per questo oggi ci siamo ritrovati ad inaugurare questo simbolo, con un gesto che non è solo formale, ma pieno di significato, perché testimonia il tributo che anche il nostro paese ha dato alla guerra in termini di vite e la partecipazione della nostra comunità locale nel ringraziare ed onorare, quei soldati che erano i nonni e i padri di tutti noi, che non esitarono ad affrontare la morte per la nostra libertà.


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto