Comune di Galliera Veneta

Venerdì 10 agosto ore 21:00 - "MIO EROE" di Giuliana Musso

Pubblicata il 09/08/2018
Dal 09/08/2018 al 19/08/2018

Mio_Eroe  Giuliana Musso racconta "Mio Eroe"

                               ispirato alla biografia di alcuni fra i 53 italiani caduti in Afghanistan
 
Venerdì 10 agosto ore 21,00 - parco di Villa Imperiale (via Roma 184)
In caso di maltempo Palazzetto polivalente viale Venezia
 

Biglietti Interi € 10,00 / ridotti € 8,00

                                                                                             in prevendita: Operaestate 0424 524214 o la sera stessa all'ingresso

Giuliana Musso è interprete sensibile e diretta: basta assistereb a uno dei suoi spettacoli per rendersene conto; ma prima ancora di andare in scena, l’artista vicentina, premio Hystrio alla drammaturgia, è una scrupolosa ricercatrice, un’osservatrice attenta della realtà contemporanea e delle sue idiosincrasie. I suoi testi colgono il segno perché, pur trasmessi attraverso il canale irrazionale delle emozioni più autentiche, poggiano saldamente su questo suo lavoro scientifico di indagine: il coinvolgimento è insieme intimo e civile, privato e pubblico. Teatro d’inchiesta e questioni universali viaggiano a braccetto anche in Mio Eroe, premio CassinoOff 2017. Nel corso della missione ISAF in Afghanistan (2001-2014) persero la vita 53 militari italiani e lo spettacolo riporta in vita frammenti di esistenza di alcuni di loro, attraverso le voci delle rispettive madri; sembra impossibile affrontare un tema come questo senza cadere nella tentazione della commozione facile, eppure Musso riesce a non perdere mai la lucidità necessaria per arrivare al punto. I feretri, le bandiere, le cerimonie patriottiche qui non hanno alcun potere, sono queste voci che sussurrano, gridano, implorano, ridono le vere protagoniste; e attraverso i ricordi più intimi e personali incalzano concetti astratti come Guerra, Patria, Eroismo, il loro significato e il loro utilizzo. Uno spettacolo che arriva dritto al cuore, lasciandolo turbato, divertito, indignato ma mai indifferente; l’indifferenza dello spettatore, quando lascia la sala, è probabilmente la più grande sconfitta del teatro.
 

Categorie Biblioteca

Facebook Google+ Twitter