L’Arcangelo Michele opera d’arte del nostro concittadino, l’artista Roberto Zaniolo donata all’ospedale di Cittadella.

Pubblicata il 11/12/2019

 
 
L’Amministrazione Comunale è lieta di esprimere tutta la sua ammirazione e di porgere i propri più vivi complimenti all’artista iconografo Maestro Roberto Zaniolo nostro concittadino che ha donato all’Ospedale di Cittadella una splendida icona raffigurante l’Arcangelo Michele.
L’opera dimostra lo stile inconfondibile del Maestro Zaniolo che sa unire  la bellezza dell’espressione e la freschezza dei colori con un segno delicato e originale nonostante mantenga una tecnica tradizionale.
Siamo onorati di poter ammirare nel nostro comune alcune delle opere del Maestro, ricordiamo in particolare le icone che affrescano l’entrata del cimitero comunale. In questo sito se desiderate potete ammirare alcune sue opere: https://www.iconecristiane.it/2019/07/16/roberto-zaniolo/
 
L’inaugurazione dell’opera d’arte da parte dell’artista  è avvenuta lunedì 9 dicembre nell’atrio dell’ingresso dell’ospedale ingresso di via Pilastroni, dove l’Arcangelo è stato posto, alla presenza del Direttore Generale dell’Ulss 6 Euganea Domenico Scibetta, del Sindaco di Galliera Veneta Italo Perfetti, dell’Assessore Regionale alla Sanità e ai Servizi Sociali Manuela Lanzarin, del Senatore Antonio De Poli, del Consigliere regionale Luciano Sandonà, del Presidente della Va Commissione Regionale Sanità Fabrizio Boron, del Presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 6 Euganea Alessandro Bolis, e del Sindaco di Cittadella Luca Pierobon.

Il Maestro  Roberto Zaniolo è nato a Galliera Veneta (Pd), dove vive. Insegnante di iconografia presso il Centro Territoriale Permanente per l’istruzione e la formazione degli adulti a Cittadella (PD) studia e dipinge icone dal 1987. Ha frequentato i maestri di S.Pietroburgo, Pskov e Monte Athos.
Insegna questa antica arte da 20 anni  ininterrottamente presso il Santuario S.S. Vittore e Corona di Anzù di Feltre, al Fatebenefratelli di Venezia e presso CPIA di Cittadella per il Ministero della pubblican istruzione.
Nell' ospedale di Cittadella sono già presenti due sue icone di derivazione "bizantina", questa nuova dell' "Arcangelo Michele" stacca dalle precedenti per un avvicinamento stilistico al tardo medioevo-inizio rinascimento.
L'Arcangelo Michele, condottiero e protettore contro il male, indossa una corazza bianca e colpisce con una lancia dorata il demone ai suoi piedi.
Nello sfondo la Cittadella murata, la Villa Imperiale di Galliera Veneta, piante simboliche e i monti.
L'angelo colpisce l'obbiettivo con meditata determinazione, osservato da un piccolo cardellino simbolo di pietà verso il Cristo incoronato di spine.
Quest'ultima opera è stata è stata iniziata  a giugno. Per la sua realizzazione sono state incollate 4 tavole di tiglio, incollandoci sopra una tela di lino e ricoprendola con 8 strati di gesso e colla. Dopo uno studio meticoloso dei particolari della veste/corazza e degli elementi dello sfondo il maestro ha riportato il disegno sulla tavola gessata e finalmente è iniziata la pittura. Ha utilizzato l'antica tecnica della tempera all'uovo con pigmenti naturali. Il pigmento maggiormente utilizzato è il lapislazzuli, frantumato e macinato. Questo, abbinato al dioptasio, terra verde e cinabro ha dato quel particolare sfondo verde/blu schiarito verso l'alto con il bianco titanio.

Ecco tre le splendide icone donate dal Maestro Zaniolo, con il contributo di alcune aziende. Tutte seguono un filo conduttore che è la lotta contro il male, il sacrificio di se “Gesù in braccio a Maria nell'icona del Conforto”,  il Dono, la "pietas", l'attenzione ai poveri “San Martino” e infine “ l’Arcangelo” protettore contro il male.

 


"L'Arcangelo protettore contro il male"

 

“Gesù in braccio a Maria nell'icona del Conforto”

San Martino icona della Pietas”
 


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto